L’influenza della tecnologia sulla fruizione musicale sulle sottoculture del gusto

“La musica, come tanti altri fenomeni sociali, mostra qualcosa in più. Qualcosa di cui i giovani sono portatori, interpreti privilegiati, attraverso i suoni, i ritmi e i linguaggi della musica con cui si esprimono e si nutrono”[1]. Si adatta bene alla vita quotidiana degli adolescenti, una nuova generazione che si ispira ad una filosofia di vita ribelle, si nutre di musica e diviene protagonista della società dei consumi. L’esplosione verso la metà degli anni Novanta di Internet, ha rivoluzionato profondamente i mezzi di comunicazione addetti a diffondere la musica e i suoi messaggi. Tuttavia la cosiddetta rivoluzione digitale non avviene con Napster, un modello di distribuzione telematica della musica in formato digitale, ma col processo di ridefinizione del software e hardware musicale degli anni Ottanta. In questo periodo viene introdotto sul mercato cd e relativo lettore, ovvero un nuovo supporto virtualmente indistruttibile. Nella musica, con il cd audio, la digitalizzazione trova sicuramente uno dei campi di applicazione più diffusi e noti. La musica ha tratto decisamente vantaggio da queste forme di ibridazione dei media: ai tradizionali Cd audio si sono aggiunti supporti multimediali come il Cd-rom, l’enhanced Cd, il Dvd audio/video e così via. Internet è un medium globale che ricomprende tutte le forme di comunicazione della musica: artisti e case discografiche, audience, stampa musicale, radio, Tv. Per le sue proprietà di interconnettere persone distanti ma avvicinate dagli stessi interessi, si è rivelato uno straordinario veicolo di aggregazione per comunità musicali già esistenti: i fan club, veri o virtuali. Come afferma Di Carlo[2], “i web media hanno generalmente agito secondo la logica della personalizzazione di massa, ovvero quella capacità di servire un mercato vasto riuscendo, nel contempo, con l’ausilio della tecnologia, a offrire a ciascun individuo quanto di più simile alle sue preferenze personali”. Con la presenza mediale sul web della musica cambia il tipo di fruizione dei messaggi proposta dall’ascoltatore, la convergenza mediale introdotta da Internet ha dato la possibilità di ascoltare la musica in modo interattivo e oltre al senso del luogo, dove il fruitore, compatibile con le offerte disponibili in rete, può scegliere cosa, come e quando ascoltare da qualsiasi posto.I new media cambiano le possibilità di fare esperienza della musica. Come nota Steve Jones “che sia registrata o dal vivo, la musica, come il suono (o l’aria stessa), sembra essere completamente intorno a noi, eppure raramente ci raggiunge in modo completamente accidentale[3]. Crea una novità nella fruizione musicale, perché introduce un’ubiquità dell’ascolto con una ricaduta sociale evidente: l’isolamento, cercato o subito, dell’individuo. La musica tra i giovani viaggia rigorosamente online e così diventa sempre più legale. Spotify è un servizio musicale che offre lo streaming on demand di una selezione di brani di varie case discografiche ed etichette indipendenti, incluse Sony, EMI, Warner Music Group e Universal. Veronica Diquattro, responsabile del Mercato Italiano di Spotify afferma che gli utenti italiani, infatti, si sono immersi in oltre 20 milioni di brani, scoprendo nuova musica, creando playlists e facendo di Spotify la colonna sonora della loro vita. Oltre a rivoluzionare il modo di ascoltare musica l’arrivo di Spotify in Italia ha dato un forte impulso all’industria musicale digitale. Spotify da un grande contributo al mercato musicale, aiutando a combattere la pirateria e avvicinando sempre più utenti allo streaming e al consumo legale di musica.

Daniela Ambrosio

[1] L. Savonardo, Sociologia della musica. La costruzione sociale del suono dalle tribù al digitale

[2] Di Carlo Giampiero, La musica online. La sfida di Internet su diritti, distribuzione, e-commerce e marketing, Etas 2000

[3] D’Amato Francesco Sound tracks: tracce, convergenze e scenari negli studi musicali

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...