“Let’s Green!” La Green Economy tra tecnologia e innovazione

di Gabriella Del Savio

                            “Una economia che genera crescita, crea lavoro e sradica la povertà investendo e salvaguardando le risorse del greencapitale naturale da cui dipende la sopravvivenza del nostro pianeta”. È in questo modo che la Green Economy (o Economia Verde) è stata definita dalla Commissione europea nella Comunicazione n. 363 del 20 giugno 2011, anche se numerose sono le sue accezioni poiché si tratta di un concetto in continua evoluzione.

Qual è il suo obiettivo principale?

Senza dubbio quello di porsi come modello di sviluppo economico che tenga conto non solo dell’impatto ambientale ma che miri anche a migliorare il benessere degli esseri umani.

Inoltre, ruolo essenziale è svolto dalle nuove tecnologie. Esse, infatti, hanno rappresentato, ad esempio, uno strumento altamente determinante nel campo dell’energia rinnovabile che ha portato alla nascita della Smart Grid. Quest’ultima è stata definita, già nel 2006, dalla European Technology Platform for the Electricity Networks of the Future, come una rete elettrica capace di integrare, in modo intelligente, le azioni di tutti gli utenti ad essa connessi – generatori, consumatori e utenti che producono e consumano allo stesso modo – affinché si possa fornire energia elettrica sostenibile, sicura e soprattutto economica. Il valore aggiunto è quello di razionalizzare in chiave tecnologica l’impiego di energia elettrica.

Un elemento innovativo della Smart Grid infatti, è la partecipazione attiva dell’utente attraverso l’uso dell’ICT (Information and Communication Technology) che agisce all’interno della rete elettrica e che permette, tramite lo scambio di informazioni dirette tra consumatore e produttore, una più attenta gestione della domanda e un maggior controllo sui consumi. Informazione e distribuzione elettrica divengono, così, fattori costitutivi di questo nuovo modo di fare economia.

 Il settore della Smart Grid, però, è solo uno degli aspetti che rientra nel campo della Economia verde; l’innovazione che caratterizza la Green Economy investe anche la sfera della mobilità (Smart Mobility), del turismo(Smart Culture e Turismo) fino, inoltre, ad arrivare allo sviluppo di start up che hanno dato vita a vere e proprie Clean Technology (o tecnologie pulite). In questo contesto s’inserisce, ad esempio, l’azienda made in Italy di nome Solwa. Questa impresa padovana agisce in vari ambiti della Green economy e fornisce particolari dispositivi che permettono la depurazione delle acque, l’essiccamento degli alimenti, ecc. , utilizzando la sola energia solare (per ulteriori informazioni consultare il sito di Solwa).

Naturalmente, per dar vita ad un progetto di tale portata, c’è bisogno di un sostanzioso finanziamento da parte d’investitori che considerino la Green Economy come l’economia del progresso.

A tal proposito, se è vero che la Green Economy si pone come modello alternativo all’economia tradizionale, quali sono o potrebbero essere le conseguenze per il futuro?

Immaginate come potrebbe cambiare il vostro stile di vita?

 Fonti:

Smart Grid

Wikipedia : Smart Grid

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...