Turismo: tra nuove dinamiche e condivisione

Fra coupon e last minutes come è cambiato il nostro modo di viaggiare? L’Osservatorio Nazionale sul Turismo parla chiaro: nel primo semestre 2013, il 13,7% (11,1% per chi ha scelto mete italiane e 19,9% per chi ha scelto l’estero) dei viaggiatori è stato influenzato nella scelta della vacanza dalle informazioni in rete (principalmente sui siti delle strutture ricettive e delle società di trasporto, nonché dal passaparola online, dai portali territoriali e dai grandi portali di prenotazione) mentre il 10,8% (9,2% per le mete italiane e 15% per le mete estere) è stato influenzato dalla scoperta di una offerta di vacanza sul web (in ordine portali territoriali, grandi portali di booking, forum e social network).

Pochi coloro che per la vacanza in Italia seguono i consigli delle agenzie di viaggio tradizionali (2,8% per i viaggi in Italia, ma 9,7% per i viaggi all’estero)[1].

Con l’avvento del web i fornitori di servizi turistici hanno avuto la possibilità di raggiungere il consumatore finale in modo diretto. Il facile accesso al mondo del turismo ha costretto i vari competitors, ormai innumerevoli, ad andare alla ricerca di qualcosa di diverso, di un’offerta unica e vantaggiosa. Il conseguente ribasso dei prezzi ha allargato i confini del viaggio su scala mondiale, rendendo, paradossalmente, più conveniente un viaggio all’estero piuttosto che in una località a pochi chilometri da casa.

Anche la crisi economica e la scomparsa del lavoro a tempo indeterminato hanno avuto il loro peso. Non si è più sicuri di avere un certo numero di giorni di ferie assicurato, non si ha più la certezza di un guadagno. Da qui la necessità di partire appena possibile, magari sfruttando un’offerta last minute per un weekend all’estero.

Addio, quindi, a quei famosi quindici giorni (o talvolta un mese) di villeggiatura,  allo slogan più in voga di tante stagioni estive: “stessa spiaggia, stesso mare”. Si partiva tutti insieme, in famiglia. Ogni anno la meta era sempre la stessa: quasi un appuntamento fisso con gli amici conosciuti nelle vacanze precedenti, con quelle lunghe file di ombrelloni ferme lì ad aspettarti. Non era tanto importante il luogo, ma l’idea che in esso era racchiusa: il riposo dal lavoro e il ritrovarsi con una ‘seconda famiglia’.

Con l’avvento del digitale, il turista diventa co-produttore del proprio viaggio. Attraverso i servizi on-line è possibile confrontare le varie offerte, fare valutazioni su quelle più convenienti, sino a prenotare ed acquistare. E le su funzionalità non finiscono qui. Blog, diari di viaggio e social network, infatti, non solo forniscono informazioni sui pro e i contro dei luoghi che si intende visitare, ma permettono, anche e soprattutto, lo scambio di esperienze. In un certo senso, è come se al turista fosse offerta l’opportunità di partire, ancor prima che il viaggio sia intrapreso. Si passa da una comunicazione ‘uno a molti’, ad una comunicazione ‘molti a molti’ (many-to-many).

Una condivisione che assume ulteriore valore se si pensa che dilaga sempre più anche l’utilizzo, da parte degli utenti-turisti, di siti che offrono opportunità di scambiarsi reciprocamente case (couchsurfing) o passaggi in auto (blablacar). Condivisione, convenienza, velocità sembrano essere le parole chiave di questo cambiamento. Tutto viene studiato a tavolino nei minimi particolari. E la sorpresa e il piacere di scoprire qualcosa di nuovo? Anche il viaggio, come le nostre vite, sembra aver perso in spontaneità. Questa è definita come l’era dell’incertezza. Ma è davvero così?

 di  Fabiana Carcatella

[1] Indagine quantitativa sui comportamenti turistici degli Italiani. Primo semestre 2013 – Osservatorio Nazionale del Turismo (http://www.isnart.it/osservatorio.php).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...