Il ruolo dell’e-Learning nella scuola del futuro

5899817279_37f914ddcd_z

 

Il sistema scolastico italiano, in seguito alla riforma della pubblica istruzione, cambierà profondamente in tutte le sue sfaccettature.
Il ddl “La Buona Scuola” prevede finanziamenti per un ammontare di 3 miliardi e tre principali cambiamenti: il piano di assunzioni avverrà solo per concorso, l’edilizia scolastica sarà finalmente a norma in tutte le scuole e il dirigente scolastico godrà di una maggiore autonomia decisionale riguardo l’esercizio di tutte le sue funzioni.
Si auspica che tale legge garantirà agli studenti un’offerta formativa più ricca, incrementando le ore dedicate a musica, arte, lingue, competenze digitali ed economia.

Le scuole di tutta Italia, in vista dei finanziamenti pianificati dal governo centrale, hanno la possibilità di evolversi e ridimensionare le loro modalità d’insegnamento.
In una società sempre più interconnessa, dove gli individui trascorrono parte della loro giornata incollati agli schermi, il sistema scolastico deve avere come prerogativa fondamentale l’esigenza di adattarsi continuamente al contesto, ad esempio alla luce degli attuali cambiamenti di scenario provocati dalla diffusione di dispositivi mobili connessi ad Internet.
In una nazione come quella italiana, dove vi è una spiccata propensione a comunicare in maniera indiretta attraverso dispositivi interdigitali (oltre l’80% dei cittadini italiani fra i 14 e i 24 anni sono connessi alla Rete Internet per buona parte della giornata e in quasi tutti i luoghi[1]) il ruolo del sistema scolastico diventa cruciale.

L’integrazione dello studio classico con piattaforme di e-Learning consente agli studenti assenti di non restare indietro ed ai docenti di fornire il materiale didattico a supporto del programma, in modo da ampliare il retroterra teorico di tutti e apportare nuovi stimoli (ad esempio uno studente che sta preparando un disegno tecnico può  interessarsi per propria curiosità al disegno artistico e scoprire di avere una vocazione particolare per quest’ultimo).
Se l’e-Learning fosse introdotto nel sistema scolastico italiano a tutti i livelli, si produrrebbero nuovi posti di lavoro in quanto c’è una forte domanda proveniente dal settore ICT.
Nuove figure lavorative legate al settore informatico e alle scienze sociali potrebbero inserirsi in tal modo nei processi produttivi nell’ambito dell’educazione scolastica, affiancando e supportando i docenti che già lavorano in base alle esigenze degli istituti.

L’implementazione da parte del sistema scolastico dell’e-Learning e dell’offerta di materie facoltative, stimola la ricerca e alimenta il dibattito grazie alla possibilità di interagire all’interno di forum in maniera asincrona, inducendo studenti e docenti a scambiarsi link di fonti bibliografiche inerenti alla cultura sia settoriale che globale.

L’e-Learning è potenzialmente uno strumento in grado di valorizzare la cultura ed orientare gli studenti verso l’approfondimento dei concetti studiati in aula. La speranza è che l’e-Learning educhi alla conoscenza, quindi, in contrapposizione all’agire dettato dall’istinto e dall’improvvisazione.
L’agire affrettato, senza una prima fase di studio, spesso non consente di raggiungere i traguardi sperati e, probabilmente, è proprio per questo che nell’ultimo periodo vi è un sensibile aumento degli abbandoni scolastici. Gli studenti non credono in loro stessi e abbandonano la scuola davanti ai primi ostacoli ed ai primi fallimenti.
Riuscirà la scuola del futuro a riconquistare gli studenti grazie all’affiancamento dell’e-Learning?
Aspetteremo gli esiti della riforma per analizzarne gli effetti.

[1] La Repubblica. “Ventidue milioni di italiani non utilizzano internet”, 2014.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...