Expo 2015: Ecco come viverlo al meglio

di Gabriella Del Savio.

In occasione del tanto discusso e chiacchierato Expo 2015, evento ospitato dalla città di Milano, si è sviluppato un progetto innovativo per favorire il turismo e che prevede la partecipazione attiva dei cittadini. Si tratta della piattaforma web “Piacere, Milano”, ideata dall’agenzia di comunicazione Clinc assieme alle cooperative La Cordata e Spazio Aperto Servizi ed all’agenzia internazionale di comunicazione Altavia.

Tale iniziativa ha come principio cardine il tema dell’accoglienza che si svolge in una modalità totalmente gratuita e si basa soprattutto sulla collaborazione tra turisti e cittadini, questi ultimi divengono “ambasciatori” della propria città dando la possibilità ai guests di scoprire luoghi non tipicamente turistici.

Ma come funziona? e cosa offre? 

Ebbene, cittadini e visitatori, iscrivendosi alla piattaforma, hanno la possibilità di conoscersi prima virtualmente e, successivamente, di potersi incontrare di persona. Ciò che il cittadino offre al turista in cerca di nuove esperienze, è un invito a cena in casa propria, la disponibilità a raccontare, in un’ottica del tutto personale ed intima, la propria città ed infine la possibilità di dar vita ad un vero e proprio itinerario del tutto inedito.

Inoltre, al di là della piattaforma, vi è la possibilità di poter consultare un mappa multimediale e geo-localizzata che rappresenta un ulteriore strumento di condivisione in cui sono notificate esperienze e itinerari alternativi raccontati da entrambi i soggetti coinvolti.

Perché questo progetto merita attenzione?

Il motivo è semplice! Questo tipo di start-up, completamente innovativa, è un chiaro esempio di come il concetto stesso di turismo stia cambiando, assumendo una forma molto più “social” che coinvolge totalmente cittadini e visitatori, offrendo loro un momento di scambio interculturale di condivisione di esperienze reciproche. Nel campo della cosiddetta Sharing Economy, esso si sta rivelando un ottimo espediente, poiché presenta la possibilità di mettere in relazione, anche grazie all’uso delle nuove tecnologie, persone provenienti da paesi, città e regioni differenti.

Per chi vive a Napoli (e non solo) ed avrà la possibilità di partecipare all’Expo 2015, consiglierei di non sottovalutare un’iniziativa come quella di “Piacere, Milano” poiché potrebbe essere un valore aggiunto alla propria esperienza.
E voi cosa ne pensate? Vorreste partecipare?

Fonti:
PiacereMilano

Marta Lasen, Città più ospitali grazie alle tecnologiedel 20 Maggio 2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...