Devi fare un viaggio ma le spese sono troppe? Niente paura, da oggi il web ha la soluzione che fa per te!

di Sonia Picariello.

Da qualche anno è nata un’iniziativa  con lo scopo di creare una piattaforma web che permetta di mettere in comunicazione persone che non si conoscono ma che hanno un’esigenza comune di viaggio, il suo nome è “Car Pooling”.

L’obiettivo è sempre quello, risparmiare denaro e, implicitamente, risparmiare uno starnuto alla natura. Maggiormente diffusa nei Paesi dell’Europa del Nord e negli Stati Uniti d’America (incoraggiata anche dalla segnaletica stradale) questo progetto sta prendendo piede in Italia con una velocità disarmante, catturando l’attenzione di molti quotidiani nazionali. Il Car Pooling prevede l’organizzazione non solo di viaggi occasionali molto lunghi, ma è anche un’alternativa ai mezzi pubblici (attualmente in difficoltà) per recarsi quotidianamente al posto di lavoro, all’università o in qualsiasi altro luogo. Tanto è vero che in questi giorni in alcune città italiane si sta parlando di creare una rete di relazioni tra gruppi di famiglie per portare i bambini a scuola in modo tale da sopperire al mal funzionamento degli scuolabus. Molti comuni lo considerano un mezzo per ridurre il traffico nelle strade e di conseguenza il caos, nonché un mezzo per sviare alla mancanza di parcheggi nelle città, proprio per questo incoraggiano la crescita di associazioni finalizzate alla promozione dell’iniziativa

La domanda che sorge spontanea quando si sente parlare di viaggi in gruppo, ma soprattutto di Car Pooling è “ci si potrà fidare dell’autista?”

I siti web hanno pensato anche a questo, mettendo a disposizione dei visitatori interessati, un sistema di informazioni in cui si può conoscere il comportamento abituale degli utenti. Viene innanzitutto controllata la veridicità sull’identità degli iscritti,in particolare nome e cognome e  numero di telefono, saranno inoltre messi a disposizione dei commenti su esperienza diretta. Gli utenti che non rispettano le regole, e quindi che non saranno ritenuti affidabili, saranno segnalati! In questo modo è possibile facilitare la riduzione della diffidenza nonché un incoraggiamento ad aderire all’iniziativa. Recentemente sono nate anche della app per iPhone e Android per l’organizzazione di car pooling per smartphone e tablet.

Ovviamente non è tutto rose e fiori, in quanto certamente non mancano aspetti negativi, poiché condividendo il viaggio con diverse persone ci sono regole irremovibili da rispettare; innanzitutto bisogna mettersi d’accordo sui tempi da impiegare, le tappe da effettuare ma soprattutto bisogna far padroneggiare buona educazione e rispetto per gli altri. In tal modo vengono incoraggiati i rapporti sociali tra le persone e le pratiche del vivere civile.

In tutto il mondo sono nati dei siti a supporto del car pooling, in Italia quello più utilizzato è “Bla Bla Car. Ci sono poi altri siti che si occupano esclusivamente dell’organizzazione dei viaggi per raggiungere concerti e grandi eventi, oppure per tragitti brevi all’interno della città e cosi via. Un portale italiano utilissimo ed alternativo è youtrip che permette di viaggiare gratis o ottenere il passaggio in cambio di oggetti.

Il Car Pooling rintra a pieno nel progetto di smart city, città intelligente, in cui efficienza, risparmio e compagnia vanno di pari passo.

Cosa pensi riguardo a questa inizativa? Pensi sia una cosa positiva o che possa creare disagi per la “perdita” della privacy in auto? Personalmente la proverei.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...