Le nuove frontiere del disegno : dove l’analogico incontra il digitale

Di Alessandro Fiore.

Se esiste qualcuno che pensa che col disegno digitale il mouse abbia sostituito totalmente la matita, e lo schermo sia destinato a soppiantare totalmente il foglio di carta, questi non è mai stato così lontano dalla realtà.
La rappresentazione di immagini mentali di vario tipo ha accompagnato la storia evolutiva dell’Homo sapiens dai piccoli insediamenti nelle caverne ad oggi.
Nell’era digitale il dispositivo che permette di disegnare in maniera efficace è senz’altro la tavoletta grafica. Ecco perché in ComunicHub non può mancare un articolo su questo digital device. Cos’è una tavoletta grafica?

E’ un dispositivo di input, proprio come un mouse, ma molto più preciso e finalizzato al disegno. La maggiore casa produttrice di tavolette è la Wacom (http://www.wacom.com/it-it)
Navigando nel sito web di questa azienda è possibile visualizzare tutti quelli che sono i prodotti tra cui : Penne, Pad (che molti confondono con le tavolette grafiche), Tavolette con penna e display interattivi.

Molto interessanti (e anche molto costose, dagli 800 si arriva ai 3500 euro) sono le Wacom Cintiq, ovvero delle tavolette con lo schermo integrato. Tra le varie Cintiq troviamo quelle che funzionano solo attaccate ad un pc, e dei veri e propri pc portatili con tavolette integrate.
Un altro dispositivo Wacom che sembra davvero una “stregoneria”, ed entusiasma per la rivoluzione che rappresenta, si chiama Inkling.

Immagine
E’ una vera e propria penna dotata di una memoria portatile, la quale permette di registrare gli schizzi realizzati su carta, memorizzarli in digitale, e di trasferirli direttamente sul proprio pc tramite cavo usb.
Grazie a questa penna è possibile lavorare analogicamente e digitalmente allo stesso tempo. Non c’è bisogno, infatti, di una carta speciale basta applicare il ricevitore inkling su un lato del foglio. Ovunque vi troviate, basterà avere a portata di mano anche un semplice fazzoletto di carta per disergnarvici sopra qualsiasi idea geniale vi venga in mente.
Inoltre è possibile lavorare su più livelli, riuscendo così a separare il disegno iniziale da quello finale. Questa “penna magica”, infine, registra anche la pressione applicata riuscendo così a registrare i diversi spessori.

Ovviamente comprare questi dispositivi non implica necessariamente il saper disegnare, quello è un altro discorso, nessuna tecnologia per quanto sofisticata ed avanzata  potrà mai sostituirsi alla nostra mano nel disegno.

 

 

Fonti:

http://inkling.wacom.eu/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...